TROPPO (poco) DA DIRE…

Pubblicato: 22 settembre 2009 in Vita Vissuta

Di solito funziona così: un fatto o una notizia mi fanno incazzare e/o ridere e/o schifo e/o etc. Mi metto al pc. Scrivo un nuovo post.

Di recente non sono stato colpito da eventi particolarmente irritanti e/o divertenti e/o schifosi, ma avevo comunque voglia di scrivere. Quindi provo a stilare una lista di argomenti papabili, dopodiché selezionerò il migliore.

  1. Influenza A H1N1 (nota anche come “la suina“): ancora troppi pochi morti per parlarne seriamente. Più che altro fa paura che i media minimizzino, visto che di solito tentano di terrorizzare. Comunque, nel frattempo,  i catastrofisti possono prepararsi leggendo “Risacca notturna” di Stephen King (nella raccolta “A Volte ritornano”), che racconta della fine del genere umano causata dall’influenza “A6” (che coincidenza, eh?! Eppure era il lontano 1978).
  2. Soldati italiani uccisi a Kabul: è da anni che ho smesso di cantare l’Inno di Mameli prima delle partite dell’Italia, figuriamoci se tratto questo argomento. Mi limito al mio elementare pensierino sulla guerra: è brutta e cattiva.
  3. Crisi economica: ecco un buon argomento! E’ iniziata da circa un anno e, se non altro, mi ha fatto risparmiare sul prezzo del gasolio. Dicono che il peggio è alle spalle, ma sarà positivo avere il peggio alle spalle?! Potremo ancora inchinarci tranquillamente a raccogliere la saponetta?

Mmm vediamo… Niente. Mi sa che nessuno di questi argomenti è adatto al mio blog.

Forse l’unica per cui vale la pena è stata la presenza dei Muse a Quelli che il calcio. Me la sono goduta su Youtube. Hanno suonato Uprisinginvertendosi i ruoli: il cantante ha suonato la batteria, il bassista la chitarra, il batterista il basso. E ha pure cantato. Il tutto senza che nessuno in studio se ne accorgesse (niente di scandaloso). Nemmeno Simona Ventura (abbastanza ridicolo) quando li ha intervistati. Che però sapeva che il cantante (che si fingeva il batterista) è fidanzato con un’italiana. E vive a Como. E, maddai, vicino alla villa di George (sì, proprio lui, George).

Che cùltùra…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...