THE END OF THIS WORLD

Pubblicato: 18 gennaio 2010 in Passioni

Eccheccacchio. Anch’io voglio annunciare la fine del mondo. Lo fanno tutti.

Prima di tutto ci sono i segnali. E’ evidente che il mondo stia andando a puttane, e non spreco fiato a elencare le nefandezze che accadono ogni giorno, dando a Dio, qualsiasi Esso sia, centinaia di buoni motivi per annientare tutto.

Ecco quindi la mia versione di come andranno le cose il Sabato in cui finirà il mondo.

Prima di tutto, senza una sola buona ragione, per un’intera settimana, dalla Domenica al Sabato, non morirà nessuno. Quindi, circa un milione di persone (dato che nel mondo ne muoiono un 150.000 al giorno) saranno contente di aver salvato la pellaccia. Certo non sapranno, come del resto non lo sanno i 200.000 che vedranno la luce ogni giorno di quella settimana, che la loro ora sarà rimandata solo di poco. Pare, comunque, che la fine collettiva, per la logica del mal comune mezzo gaudio, riduca lo stress causato da una morte violenta e prematura.

Arrivati al Sabato sera, quando metà della popolazione mondiale si starà preparando per andare a ballare (l’altra metà, a causa del fuso orario, subirà la fine del mondo 12 ore prima), inizierà la fine.

Adesso non so di preciso come andranno le cose. Ma non penso che ci saranno catastrofi naturali. Secondo me è più probabile che le persone cominceranno a cadere per terra, e non si rialzeranno più. Tipo che uno sta camminando e zzzac, sull’asfalto, stecchito. In effetti quello che prevedo, adesso che ci penso meglio, non è una vera e propria fine del mondo. Ma più una fine del genere umano. Anzi, per la precisione, la fine della cosiddetta civiltà umana. Nel senso che, oltre alle persone, cesseranno di esistere tutte le cose prodotte dall’uomo. Cadranno i palazzi (e non a causa dell’abusivismo edilizio). Si fermeranno le macchine (non per le targhe alterne, né per l’ecopass). Si spegneranno le luci e i pc (sto già stampando su ottone tutti i post del mio blog, così, per i posteri). Non partiranno gli aerei (cioè, anche adesso non partono, ma quel giorno ancora meno). E, infine, non si giocherà nessun anticipo della Serie A.

Il tutto durerà poche ore, in modo che nessuno si illuda di essere sopravvissuto.

E la terra rimarrà popolata solo dalla flora e dalla fauna, che poco a poco si riapproprieranno di tutto, terra e acqua. Riprenderanno la loro evoluzione della specie (senza che nessun Darwin possa scriverci un Sull’origine delle specie per mezzo della selezione naturale o la preservazione delle razze favorite nella lotta per la vita), e risponderanno tutti a un’unica, sola, suprema autorità. Io. Già, perché, dimenticavo, io mi salverò. Beh, qualcuno dovrà pur tenere in ordine le cose. E sto valutando con attenzione se necessiterò di compagnia femminile.

Ah, dimenticavo. Ho detto che sarà un Sabato, ma non ho specificato la data.

Sabato 23/01/2010.

Ah, cazzo, è questo Sabato.

Chiedo scusa per non aver avvisato per tempo.

Annunci
commenti
  1. troubledsleeper ha detto:

    per me hanno già detto tutto loro:

    oppure se preferisci lui

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...