PLASTINATO LO DICI A TUA SORELLA

Pubblicato: 7 novembre 2012 in Vita Vissuta

“Andiamo a vedere la mostra di Gunther von Hagens?”
“Ah, il celeberrimo Gunther von Hagens… E chi minchia é?”
“Massí, Body Worlds, quella dei cadaveri plastinati”.
Beh, detto cosí non è che piovano i consensi.
Poi pure l’ingresso a quindici euro, che non saranno tantissimi, ma se gli fai due conti in tasca, al Gunther, considerato che ci sono stati trentacinque milioni di visitatori nel mondo, insomma, ti gira un po’ il cazzo ingrassare ancora di piú il tacchino. In tempo di crisi poi…
Sta di fatto che, per la prima volta in cinque mesi, molliamo a malincuore la pupa dalla nonna e partiamo.
Arrivare a Chinatown (zona Cimitero Monumentale) e trovare parcheggio è un viaggio come partire per le vacanze. La coda per fare i biglietti è epica (consiglio vivamente l’acquisto online, con ingresso senza fare la fila). Ma finalmente entriamo.
La prima cosa che vedi è un cuore. Lí. A portata di mano. Vero. Umano.
Giuro che non fa impressione, come non lo fa nessuno dei corpi né degli organi esposti. Forse la cosa che fa piú impressione è come vengono definiti nelle didascalie: i plastinati.
Dicevo. La prima cosa che vedi è un cuore. E da subito, davvero, capisci che hai fatto bene a farti lo sbatti. Vasca in auto e ricerca del parcheggio. A pagare quindici euro.
Capisci che hai fatto bene perché organi, ossa, muscoli, sistemi nervoso e arterioso li hanno visti tutti. Nel laboratorio di scienze a scuola. Nei poster dal medico. Nei film horror. Ma pochi li hanno visti umani e dal vivo (cioè, vivo chi li vede, intendo).
E, ragazzi, vedere l’interno di un corpo umano vero… Tutto intero o pezzo per pezzo… Sano o malato di malattie che sentiamo nominare migliaia di volte ma non abbiamo idea di cosa siano… Vederlo lí… Poterlo toccare (cioè, non si puó, ma sono lí, e si potrebbe)…
Il mio pensiero piú frequente, durante tutta la durata della visita, è stato cazzo che roba.
E poi ho pensato anche tanto a Dio, perché, davvero, anche se Darwin fosse qui davanti a me a giurarmelo, non ci credo proprio che la sola evoluzione della specie abbia potuto portare da una cellula ignorante a un ingranaggio cosí infinitamente complesso e preciso e perfetto e mettiamoci pure bello (a parte gli intestini, che secondo me sono un mezzo sbaglio e non hanno ancora finito di evolversi).
Per la cronaca: non ho visto nessuno svenire né sboccare, e posso giurare che facce mosce ce n’erano.
Lo consiglio? No.
Fate quello che vi pare. Io ci sono andato e mi è piaciuto e sono soddisfatto.

20121107-000945.jpg

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...